Gravidanza e dentista, le domande più comuni

24 Giugno 2020
gravidanza e dentista domande comuni

 

La gravidanza è un periodo particolare sotto molti aspetti. Da una parte grande emozioni, dall’altra un corpo che cambia gradualmente e molte situazioni a cui prestare attenzione. Anche la prassi normale quale quella di rivolgersi a un dentista deve essere valutata attentamente affinché non si arrechi danno al feto che sta crescendo.

In linea di massima si può affermare che impegnativi lavori di ortodonzia andrebbero programmati, se possibile, prima di una gravidanza o, se si può aspettare, alcuni mesi dopo il parto. Durante la gravidanza infatti si producono dei cambiamenti ormonali che influenzano anche il cavo orale procurando un maggiore sanguinamento gengivale e una maggiore propensione a infiammazioni.

Inoltre a causa del reflusso esofageo e le frequenti iperemesi (vomito) a cui le gestanti spesso vanno incontro proprio a causa della gravidanza, lo smalto dei denti può essere più facilmente danneggiato aumentando il rischio di carie ed otturazioni.

Questo non significa che non si debba andare dal dentista o che non si debba curare la propria igiene orale attraverso pulizie dei denti o otturazione di denti cariati in gravidanza. Lo si farà con la debita attenzione.

Se è possibile aspettare, il secondo trimestre è più adatto per affrontare qualunque lavoro di ortodonzia.

Fatta questa precisazione, quali sono le domande più comuni a cui le donne in gravidanza desiderano avere risposta? Vediamo alcune.

Puoi contattarci o seguire la lettura dell’articolo per ottenere ulteriori informazioni e dettagli.

Fissa una prima visita gratuita

È possibile otturare un dente in gravidanza?

Si, è possibile. È bene intervenire quanto prima, una volta superato il primo trimestre, per eliminare la carie ed evitare che questa intacchi la polpa e si debba intervenire in modo più drastico. Una volta sanato il dente cariato si procederà alla otturazione del dente ovvero sigillando le possibili fessure dove potrebbe nuovamente iniziare il processo cariogeno.

Un tempo le otturazioni venivano fatte in amalgama al mercurio gravemente tossiche. Si era evidenziato come questo materiale lentamente e gradualmente si disperdeva nella bocca causando intossicazioni, allergie ma anche malattie più gravi. È da tempo quindi che in Italia non si usano più tali materiali per cui è possibile effettuare l’otturazione del dente anche in gravidanza senza alcun pericolo per il nascituro.

Per maggiori informazioni, contattaci.

Richiedi info

Le carie in gravidanza si possono curare senza rischi per il feto?

Una volta informato il dentista che siete in stato interessante, sarà cura dello stesso approntare il lavoro di ortodonzia al fine di non danneggiare il feto. La cosa più pericolosa è l’anestesia. Al giorno d’oggi, gli anestetici possono essere bilanciati al fine di non far correre rischi al feto e permettere alla prossima mamma di affrontare la risoluzione della carie nel modo più sereno possibile senza troppo stress. Ricordiamo che l’anestesia è locale e in breve tempo viene smaltita dal corpo.

Quindi non solo le carie in gravidanza possono essere curate ma vanno curate perché le infezioni al cavo orale potrebbero diffondersi in altri organismi attraverso il flusso sanguineo e attraversare la placenta causando possibili danni al nascituro. L’anestesia, in confronto, non è così rischiosa per il feto.

 

È possibile farsi le radiografie ai denti durante la gravidanza?

Anche in questo caso si può affermare senza alcun dubbio di sì. Naturalmente il dentista per effettuare l’ortopantomografia, ovvero le comunissime lastre ai denti, userà schermi protettivi e raggi a bassissima esposizione, per scongiurare possibili conseguenze sul nascituro. Inoltre effettuando questo esame radiologico alla dentatura, spazio ben lontano dall’utero, avrà un’incidenza quasi nulla sulla crescita del feto.

Desideri maggiori informazioni? Contattaci attraverso uno di questi canali.

Prenota la tua prima visita gratuita

Si può fare la pulizia dei denti in gravidanza?

In linea generale sì. La pulizia dei denti in gravidanza solitamente non prevede anestesie, che potrebbero essere pericolose per il bambino che sta crescendo nel ventre, ed è una buona norma di igiene dentale. Inoltre la pulizia dei denti può evidenziare problemi ai denti che, se si interviene per tempo, si possono risolvere velocemente e senza troppo stress.

Naturalmente sarà il dentista a valutare se necessaria o meno questa operazione. A volte per un eccessivo sanguinamento gengivale della gestante, il dentista potrebbe decidere di soprassedere o di svolgere tale pulizia in più sedute in modo da evitare un aumento del sanguinamento.

Richiedi informazioni, prendi un appuntamento: contattaci

Prenota la tua pulizia dei denti

Gli ultrasuoni usati per la pulizia dentale fanno male al feto?

Gli ultrasuoni usati per la pulizia dei denti non danneggiano il feto. Ce ne sono di tre tipi diversi: magnetostrittivi, piezoelettrici e sonici. Producono vibrazioni in grado di rompere il tartaro senza l’uso delle classiche curette.

È un modo dolce e indolore di pulire i denti e potrebbe essere più indicato per quelle gestanti che soffrono di sanguinamento gengivale e infiammazione.

Vuoi saperne di più? Contattaci

Prenota la tua pulizia dei denti
Posted in News