Categoria: News

9 Giugno 2016
devitalizzazione dente molare presso lo studio dentistico acilia roma

COSTO DEVITALIZZAZIONE DENTE MOLARE

Abbiamo già approfondito in una pagina dedicata qual è il costo della devitalizzazione di un dente. L’articolo prendeva in esame vari parametri orientando il lettore verso le fasi per le quali bisogna passare se si rende necessaria una terapia canalare di un qualsiasi dente dell’apparato boccale.

Se vuoi sapere qual è il costo per la devitalizzazione di un dente molare, ti suggeriamo di esaminare l’articolo suggerito al fine di comprendere le dinamiche che determinano il prezzo. L’importo finale, indicativo, può infatti variare molto a seconda della struttura presso cui ci si rivolge, la condizione del dente, il dente stesso (pre-molare, molare, dente del giudizio). In questo articolo specifico approfondiremo invece il costo per la devitalizzazione di un dente molare che, solitamente, parte da circa €150,00 anche se, come specificato, si tratta tuttavia di una cifra poco indicativa.

costo base devitalizzazione molare presso lo studio dentistico acilia di Roma

Vediamo quindi tutte le visite e terapie da sostenere quando il trauma o la carie del molare (tra le principali e comuni cause che rendono necessario il trattamento) sono troppo gravi per essere risolti con una semplice otturazione o ricostruzione.

  1. La visita di controllo
  2. La devitalizzazione (terapia canalare)
  3. La ricostruzione
  4. La capsula (nel caso di devitalizzazione dente molare, fortemente raccomandata)

 

IL COSTO DELLA VISITA DI CONTROLLO

La visita di controllo in molte strutture non si paga. Nel nostro studio dentistico di Acilia, zona sud di Roma, la prima visita è sempre gratuita e di solito include una piccola radiografia endorale necessaria per valutare la condizione del dente. Generalmente trattamenti aggiuntivi come una dettagliata ortopanoramica digitale, se non si prosegue con il trattamento, sono invece a pagamento (30€, salvo casi particolari).

Di norma però in molti studi di Roma la prima visita prevedere il pagamento di un corrispettivo che può variare dai 20 agli 80€

Presso il nostro studio: gratis

bottone informazioni devitalizzazione

IL COSTO DELLA DEVITALIZZAZIONE DEL MOLARE

E’ il prezzo per la devitalizzazione del dente, il trattamento che prevede la totale desensibilizzazione del molare. Può variare molto a seconda del dente trattato, le sue condizioni e il numero di radici. Presso il nostro studio il prezzo può variare da 200 a 250€, ma in alcuni casi vi sono studi che applicano anche tariffe doppie o triple.

Presso il nostro studio: da €200,00

bottone informazioni devitalizzazione

IL COSTO DELLA RICOSTRUZIONE DEL MOLARE

E’ il costo da affrontare per ricostruire il dente. Prevede l‘inserimento di perni all’interno delle radici desensibilizzate e consiste in un trattamento ovviamente più complesso di una semplice otturazione. Spesso il suo ammontare non viene specificato quando il cliente domanda il costo della devitalizzazione di un dente molare, ma si tratta in realtà di una spesa imprescindibile da affrontare e che è da assimilare al costo della semplice devitalizzazione. Il prezzo varia e si aggira intorno a 150€

Presso il nostro studio: da €120,00

bottone informazioni devitalizzazione

IL COSTO DELLA CAPSULA PER IL MOLARE

E’ la procedura che prevede il rivestimento del dente tramite una capsula atta a proteggerlo da eventuali future rotture che potrebbero determinare la necessità di estrarre il dente e ricorrere conseguentemente a un impianto dentale (costoso e, ovviamente, più invasivo rispetto all’applicazione della capsula). Il prezzo può variare significativamente a seconda dei materiali e altri parametri.

Presso il nostro studio: da €450,00

bottone informazioni devitalizzazione

Posted in News
6 Maggio 2016
CURA CARIE SUPERFICIALE

Le fasi della carie: dalla superficiale alla necrosi

Abbiamo già parlato in questo articolo di alcuni sintomi che ci possono aiutare a capire se abbiamo una carie.

Nell’approfondimento abbiamo illustrato come la carie sia una malattia degenerativa che interessa solitamente i tessuti più esterni e superficiali del dente, ma che può anche, se trascurata, arrivare a toccare le parti più profonde del dente. Vediamo ora quindi nel dettaglio come si sviluppa una carie dalla superficie fino alle parti più interne e perché non sottovalutarla, anche se crediamo si tratti solamente di una piccola carie superficiale

Fase 1: La carie superficiale

E’ quando il processo cariogeno è ancora fermo alla parte più superficiale del dente. La carie inizia in alcune zone specifiche al di sotto della placca batterica, viene intaccato il solo smalto, ma non vi è interessamento del tessuto inferiore del dente (dentina). Di solito è sufficiente una piccola e indolore otturazione per curare la carie e risolvere ogni tipo di problema.

Trascurare un problema dentale lieve come questo può portare a interventi più complessi in futuro.

Fase 2: La carie penetrante

In questa fase la perforazione del tessuto derivante dagli acidi risultanti dalla fermentazione degli zuccheri è più rapida. Questo a motivo della consistenza della dentina, il tessuto sottostante lo smalto, meno dura e quindi più facilmente e velocemente perforabile. Questo stadio della malattia è abbastanza delicato perché, per quanto ancora posizionabile nelle patologie lievi o di poco conto, è di solito quello che precede la perdita del dente. Le carie della seconda fase infatti, per quanto non più superficiali, possono ancora essere curate con una semplice otturazione. Ovviamente, anche in questo caso, molto dipende dalla profondità e dall’ampiezza dell’infezione, che può essere più o meno superficiale e quindi più o meno vicina alla polpa o allo smalto del dente.

Fase 3: La pulpite

Quando la carie è molto profonda, arriva a toccare la polpa del dente degenerando in pulpite. I sintomi sono di solito un forte dolore e un’infiammazione significativa nella zona del dente cariato ma, a volte, anche in altre zone della bocca. Il motivo per il quale si prova di solito un dolore intenso e duraturo è che la polpa è ricca di terminazioni nervose e vasi sanguigni. Questa fase della malattia non è più superficiale e comporta quindi l’impossibilità di recuperare il dente. Avendo ormai toccato la carie la parte viva del tessuto, si è obbligati a procedere con una devitalizzazione del dente, a cui successivamente potrebbe seguire anche l’applicazione di una capsula, qualora la struttura più esterna del dente non sia più in grado di reggere un’otturazione ma necessiti di una copertura del dente più stabile e duratura.

Fase 4: La necrosi

Quando la malattia è stata completamente trascurata si può arrivare purtroppo alle necrosi o alla morte del dente, con relativi ascessi, granulomi o cisti che potrebbero richiedere interventi più profondi, complessi e dolorosi in fase post-operatoria.

FASI DELLA CARIE, CARIE SUPERFICIALE, CARIE PROFONDA, PULPITE, NECROSI

Perché è importante non sottovalutare una carie superficiale

Come abbiamo visto, per quanto spesso una carie superficiale possa non essere visibile, dolorosa o esteticamente lesiva, si tratta comunque della prima fase di una malattia degenerativa che può portare conseguenze più gravi. Per quanto lo sviluppo dell’infezione sia molto lento e possa durare negli anni, la velocità con cui la carie si propaga e passa quindi dalla superficie dello smalto ai tessuti più interni può variare in base a molti fattori. Si può arrivare quindi in pochi mesi a dover effettuare otturazioni più profonde (e dolorose) o addirittura devitalizzazioni o estrazioni del dente (nel caso del terzo molare) che comportano sia un disagio orale che un esborso economico superiore.

Oltre ad una corretta e regolare igiene orale, raccomandiamo quindi un controllo periodico ogni 6 mesi presso il proprio dentista. La prevenzione dentale il primo passo per evitare problemi più seri. Se pensi di avere una piccola carie o hai un dolore a una zona localizzata della bocca, non esitare a contattarci per prendere un appuntamento (prima visita sempre gratuita).

Posted in News
2 Maggio 2016
denti da latte in bocca numero e denti misti

Quanti sono i denti da latte? Scopriamo il numero esatto

Sono in molti, per lo più giovani mamme e papà, a chiedersi quanti siano i denti da latte. Un po’ a motivo della paura che sia tutto a posto, altre volte per sapere come mai noi adulti ne abbiamo molti di più, ma la verità è che siamo tutti curiosi e/o bisognosi di sapere se la funzionalità della bocca dei nostri bambini/familiari è corretta e il numero esatto dei loro denti da latte. Ecco allora una breve disamina sui denti da latte e i denti permanenti e le tempistiche da tenere in considerazione per un corretto sviluppo dell’arcata dentaria del proprio figlio.

Il numero dei denti da latte

Quanti sono i denti da latte allora? Il numero esatto è 20. Vengono definiti anche temporanei o non permanenti dato che la loro presenza è limitata generalmente ai primi 14 anni di età. Sono composti da 4 cinquine, una per ogni semi-arcata dentaria. Per capire quanti sono i denti di ogni arcata e per identificarli, è necessario partire dagli incisivi centrali. Ogni semi-arcata da latte è composta da incisivo centrale, incisivo laterale, canino, molare, molare. Perché allora ci ritroviamo da adulti con 32 denti e, soprattutto, quali sono i rischi nel passaggio dalla dentizione primaria a quella mista e quella permanente?

Il numero dei denti permanenti

I denti permanenti sono, come specificato, 32, quindi ben 12 in più del numero dei denti da latte. La differenza è dovuta alla crescita ossea della mascella. In questo caso le 4 semi-arcate sono composte da 8 denti ciascuna, ovvero da un incisivo centrale, uno laterale, un canino, 2 premolari e 3 denti molari (di cui uno in gergo definito il dente del giudizio).

A che età cadono i denti da latte e quali sono i rischi?

I denti da latte cadono tutti di solito entro l’inizio dell’adolescenza. I primi spuntano verso l’età di 8 mesi, mentre gli ultimi in prossimità o poco dopo il secondo anno di età. I primi denti che cadono sono di solito gli incisivi centrali (superiori ed inferiori) mentre gli ultimi sono i secondi molari. Capire quanti sono i denti da latte che devono spuntare entro i 12 mesi può aiutare i genitori ad una corretta gestione della masticazione e dell’alimentazione del proprio piccolo. Sapere invece quando e come deve avvenire la caduta di questi denti temporanei è necessario al fine di non incombere in rischi funzionali ed estetici.

A che età “spuntano” i denti da latte?

A seguire uno schema preciso che evidenzia quanti sono e quando nascono i denti da latte. I 20 denti suddivisi per arcata e tipologia, dagli incisivi centrali inferiori, i primi a spuntare, ai secondi molari, che invece nascono intorno ai 2 anni.

Incisivi centrali superiori: 7 mesi

Incisivi centrali inferiori: 6-7 mesi

Incisivi laterali superiori: 7 mesi

Incisivi laterali inferiori: 8 mesi

Canini superiori: 17-20 mesi

Canini inferiori: 16-20 mesi

Primi molari superiori: 13-16 mesi

Primi molari inferiori: 12-16 mesi

Secondi molari superiori: in prossimità dei 2 anni

Secondi molari inferiori: in prossimità dei 2 anni

A che età cadono i denti da latte?

Qui invece, dente per dente, tutte le età in cui cadono. Dagli incisivi centrali inferiori e superiori, i primi a cadere, ai secondi molari, che sono invece gli ultimi e che si perdono poco prima dell’inizio dell’adolescenza.

Incisivi centrali superiori: 6-7 anni

Incisivi centrali inferiori: 6-7 anni

Incisivi laterali superiori: 7-8 anni

Incisivi laterali inferiori: 7-8 anni

Canini superiori: 10-12 anni

Canini inferiori: 9-12 anni

Primi molari superiori: 9-11 anni

Primi molari inferiori: 9-11 anni

Secondi molari superiori: 9-12 anni

Secondi molari inferiori: 9-12 anni

A che età “spuntano” i denti permanenti?

Incisivi centrali superiori: 7 anni

Incisivi centrali inferiori: 7 anni (precedono i superiori)

Incisivi laterali superiori: 8 anni (precedono gli inferiori)

Incisivi laterali inferiori: 8 anni

Canini superiori: 9 -12 anni

Canini inferiori: 9 -12 anni

Primi premolari superiori: 9 -12 anni

Primi premolari inferiori: 9 -12 anni

Secondi premolari superiori: 9 -12 anni

Secondi premolari inferiori: 9 -12 anni

Primi molari superiori: 6 anni

Primi molari inferiori: 7 anni

Secondi molari superiori: 12 anni

Secondi molari inferiori: 12 anni

Terzi molari superiori: 18-21 anni

Terzi molari inferiori: 18-21 anni

Ecco a seguire uno schema che evidenzia quanti sono i denti temporanei dei bambini, a che età spuntano e quando cadono (o dovrebbero cadere). L’info-grafica può essere condivisa oppure stampata per essere poi incollata nella cameretta del bimbo o inserita nel proprio diario delle date importanti, così da poter tenere memoria, se lo si desidera, di quando è caduto o comparso il primo dentino ma, soprattutto, dello sviluppo mandibolare e dentale del proprio figlio, necessario al fine di verificare la correttezza del suo sviluppo boccale.

a che età cadono i denti da latte e a che età nascono

Denti da latte che non cadono. Tutti i rischi

Come specificato, normalmente la nascita dei denti da latte non comporta particolari problemi. Potrebbe verificarsi un arrossamento o rigonfiamento delle gengive, ma di solito lo sviluppo della dentizione decidua prosegue normalmente. Possono però verificarsi alcuni problemi in fase di dentizione mista, ovvero la fase in cui i denti permanenti si sostituiscono a quelli della dentizione primaria.

Un primo rischio legato alla nascita/caduta dei denti da latte. L’agenesia dentaria

Succede talvolta che un dente non sia presente. Il termine scientifico di tale circostanza è agenesia dentale (l’agenesia è la mancanza di un organo o componente nel nostro organismo). In questi casi si può propendere per estrarre il dente e favorire così il corretto riposizionamento degli altri denti

Un secondo rischio. Quando ci sono troppi denti

Può succedere che l’arcata presenti denti in un numero superiore a quello naturale. In questi casi bisogna sempre procedere con l’estrazione al fine di favorire il corretto sviluppo dell’apparato dentale.

Uno dei rischi maggiori.  Quando i denti da latte non cadono

Può succedere che i denti da latte non cadano. Quando la dentizione decidua non segue il suo corso ma ritarda la caduta di alcuni denti da latte, l’eruzione del dente permanente sottostante può essere frenata, causando un’inclusione definitiva del dente. Il problema in tale caso non sarebbe ovviamente solo estetico ma anche medico e funzionale.

Cosa fare quando i denti da latte sono troppi o non cadono

Non ci stanchiamo mai di ricordare che, specialmente quando si parla di denti, prevenire è meglio che curare. Gestire in maniera corretta e consapevole lo sviluppo dei denti da latte e dei denti permanenti del proprio figlio rientra non solamente in quelle che sono definibili le responsabilità genitoriali, ma soprattutto in una logica preoccupazione che può evitare numerosi (e costosi) interventi estetico-funzionali atti a ripristinare o raggiungere una salute orale corretta e un’estetica del sorriso e della bocca accettabile nel proprio bambino. Diventa quindi fondamentale, durante il periodo dello sviluppo, eseguire periodicamente delle ortopanoramiche tramite radiografia digitale delle arcate dentarie dei propri figli in grado di evidenziare prontamente eventuali disfunzioni. Interventi effettuati in giovane età consentono soprattutto uno sviluppo naturale e preciso dell’arcata dentaria e possono prevenire o eliminare i rischi di utilizzo di allineatori estetici o apparecchi dentali.

In questo articolo hai scoperto quanti sono i denti da latte, il loro numero preciso, a che età cadono e soprattutto quali sono i rischi legati a uno sviluppo non lineare della dentatura. Se hai dei dubbi, desideri informazioni in merito o vuoi prenotare una visita per verificare che la dentatura dei tuoi figli sti seguendo un corretto processo, contattaci subito compilando il form.

Posted in News
2 Aprile 2016
donna con dente cariato

Come capire se un dente è cariato?

Se vogliamo capire se un dente è cariato bisogna prima aver compreso esattamente cosa è una carie.

La parola carie deriva dal latino, “caries” o “careo”, che tradotto letteralmente significa cavità vuota o essere privo. Si tratta di una malattia infettiva e degenerativa che interessa i vari tessuti dentali esterni, smalto e dentina, e che può arrivare ad interessare anche la polpa del dente.

La conosciamo tutti comunemente, quello che invece in molti non sanno è come riconoscerla, come ovvero essere certi di avere un dente cariato

Come capire se un dente è cariato: i 3 modi principali

La prima cosa da sottolineare è l’importanza, quando non si è certi se si è certi dell’esistenza o dell’entità di un problema ai propri denti, di ricorrere subito al proprio dentista. Se non si sa come capire se un dente è cariatè è perché non si ha la competenza di uno specialista ed è quindi appropriato non effettuare diagnosi sommarie fai-da-te solo al fine di minimizzare o di ostentare, come purtroppo fanno in molti, una conoscenza che in realtà proprio non si ha.

Molte patologie sono nascoste e i sintomi che comunemente potremmo interpretare come minimi o secondari potrebbero portare a conseguenze ben più gravi. Il dolore a denti e gengive può essere infatti causato da un’infinità di malattie della bocca che purtroppo molte volte vengono erroneamente ignorate, il più delle volte proprio perché si minimizza la situazione, ritenendo di avere solo una piccola e comune carie.

Fatta questa semplice, breve ma doverosa premessa, vediamo quindi 3 tipologie di dolore/sintomi differenti da non ignorare che ci potrebbero consentire di capire se il dente è cariato.

Sensibilità del dente al caldo o al freddo

E’ risaputo che un’eccessiva sensibilità del dente a cibi caldi o freddi potrebbe essere sinonimo di una carie. Molte volte all’inizio le carie non sono visibili all’occhio umano, quindi per capire se ci sono o meno si rende necessaria la visita di un dentista. Ricordiamo a tutti che spesso le carie possono sembrare in superficie molto piccole, ma poi essere in realtà più profonde di quanto si potesse ipotizzare

Dolore forte quando si mastica

Il dolore durante la masticazione potrebbe essere sinonimo di presenza di una carie. Bisogna ovviamente distinguere tra i dolori localizzati alle gengive e dolori fortemente concentrati sul dente in sé.

Sensibilità a cibi dolci o acidi

Quando si sente un dolore intenso nell’ingerire cibi dolci (la classica caramella, per esempio) o acidi è spesso perché uno dei denti su cui si sta masticando è cariato. Suggeriamo anche in questo caso  una visita preventiva dal dentista al fine di identificare in tempo la presenza o la gravità del problema.

Perché è importante richiedere subito un consulto medico

E’ molto importante quando si intuisce o si crede di avere un dente cariato ricorrere subito al proprio dentista. Spesso carie trascurate hanno portato a conseguenze ben più gravi, da altri denti cariati a un dolore maggiore provato durante l’intervento, passando per granulomi, cisti, paradontite e perdita del dente. E’ normale, comune e comprensibile che la paura di un intervento del dentista possa frenare il paziente facendolo temporeggiare, ma è fondamentale ricordare che la carie è una malattia degenerativa e che quindi il procrastinare un intervento necessario non fa altro che aumentare la complessità del futuro intervento, le spese da affrontare, il dolore pre-operatorio e a volte la difficoltà nel recupero di una corretta funzionalità nella masticazione.

 

Posted in News
8 Marzo 2016
online il nuovo sito studio dentistico acilia

E’ online il nostro nuovo sito!

Dopo qualche anno di attività finalmente pubblichiamo, con una veste grafica fresca e femminile, il nostro nuovo sito.

Perché dovrebbe interessarti?

Essenzialmente per due motivi. Il primo, più diretto e concreto, è perché abbiamo deciso di abbinare al lancio della nostra pagina WEB una PROMOZIONE PER TUTTI I NUOVI CLIENTI. Uno sconto del 10% su tutti i nostri trattamenti. Clicca qui per scaricare il coupon di sconto.

La promozione sarà valida fino al 31 marzo 2016.

Il secondo motivo è che ora il sito, fruibile da computer Desktop, Tablet e Mobile, elenca dettagliatamente e per categoria tutti i trattamenti da noi offerti, tanto odontoiatrici quanto estetici, e ti sarà perciò più facile trovare ciò di cui hai bisogno. Una nuova sezione di News ti manterrà, se lo vorrai, aggiornato su tutte le novità in campo dentistico, i trattamenti più all’avanguardia e soprattutto i costi da affrontare per la risoluzione o il miglioramento della tua salute orale.

Nuove sezioni tecnico-descrittive verranno aggiunte per illustrarti, in termini semplici, in cosa consiste un trattamento e, orientativamente, quali fattori possono influire sul suo prezzo finale.

Ti invitiamo come sempre a contattarci per ricevere informazioni e delucidazioni di ogni genere.

Ti aspettiamo

Posted in News
1 Febbraio 2016
Cristina Greco, la miglior dentista di Roma?

Se stai cercando il miglior dentista a Roma è probabilmente per tre ragioni essenziali. La prima è che necessiti di un dentista, la seconda è che necessiti di un buon dentista, possibilmente il migliore (ma migliore vuole dire economico?). La terza è che vivi a Roma, o in zone limitrofe, ma pur di trovare il dentista più bravo sei disposto a fare alcuni chilometri, a patto che questi, come specificato, siano ripagati da un servizio che corrisponde esattamente alle tue necessità.

Ecco allora una breve guida che ti aiuterà a capire cosa devi cercare e se il nostro studio fa al caso tuo.

La migliore Dentista di Roma non sono io

Viva la modestia. Se a definire la miglior dentista di Roma sono i titoli o i riconoscimenti, probabilmente mi rendo conto che l’olimpo odontoiatrico della Capitale non è, al momento, alla mia portata. Il discorso cambia se i parametri che influenzano la classifica sono invece il riconoscimento, la stima e la soddisfazione dei pazienti, oppure il rapporto qualità/prezzo dove per qualità si intende, oltre la ovvia risoluzione del problema, anche tutto il complesso insieme di fattori che includono il rapporto di fiducia, la pulizia dello studio, la capacità del dentista di non far sentire dolore prima, durante e dopo il trattamento (sì, anche fare bene un’anestesia è un arte 🙂 ), l’elasticità nei pagamenti, la reperibilità, la bontà dei macchinari, la sincerità ecc.

L’elenco potrebbe essere lungo. Ma porta sempre alla stessa conclusione. E’ scorretto identificare il miglior dentista di una certa zona o città basandosi essenzialmente sul sentito dire o sullo sfoggio di titoli e pezzi di carta che, certamente, costituiscono comunque una conferma certificata delle competenze tecniche del dentista. Si tratta di una scelta soggettiva che viene profondamente influenzata dal peso che ognuno di noi attribuisce ai vari fattori menzionati. Ecco allora un elenco di quelli che dovrebbero essere i principali elementi da considerare nella valutazione del proprio dentista.

I 9 fattori da tenere presenti nella scelta del dentista a Roma

Distanza da casa

Importanza: 5

Per quanto si tratti di un fattore importante, un buon dentista merita qualche chilometro in più. Perciò se ci si trova bene dopo una prima visita o un primo trattamento (già da una semplice pulizia dei denti si possono capire molte cose, mano, professionalità, prezzi, pulizia ecc) vale sicuramente la pena impiegare un po’ di tempo in più per raggiungere lo studio ma avere però la certezza di un trattamento di valore.

Ubicazione dello studio dentro o fuori Roma

Importanza: 8

Se l’assioma centro=traffico+difficoltà di parcheggio è tristemente spesso corrispondente alla realtà, ecco allora che uno studio dentistico ubicato fuori dal raccordo può avere evidenti vantaggi. Il nostro centro, che è ubicato ad Acilia in Via Cesare Maccari 265 a Roma, dista soli 10 minuti dal Raccordo Anulare, 15 minuti dal quartiere Eur e 10 minuti dal litorale di Ostia. Dispone inoltre di un vastissimo parcheggio pubblico con costante ed ampia disponibilità di posti 24h/24 a pochi metri dall’ingresso dello studio.

Pulizia del dentista e dello studio

Importanza: 10

La pulizia è ovviamente uno dei fattori più importanti nella scelta di un trattamento medico e dello studio ove effettuarlo. Fortunatamente in Italia possiamo usufruire di un elevatissimo livello di igiene e risultiamo spesso essere tra i paesi con le migliori strutture al mondo in fattore di sanità. E’ tuttavia innegabile che non tutti gli ospedali, le cliniche o, nello specifico, gli studi dentistici possano vantare livelli soddisfacenti di pulizia. Nel nostro settore è ovviamente particolarmente importante dato il giornaliero utilizzo di macchinari e strumenti medici che devono essere sempre puliti e/o sterilizzati. La scelta del miglior dentista deve quindi giocoforza prendere fortemente in considerazione questo fattore.

Prezzo

Importanza: 9

E’ vero che per la salute non bisogna badare a spese. Ma è anche vero che determinati trattamenti sono costosi e che perciò bisogna ricercare un rapporto qualità/prezzo adeguato per le proprie possibilità. Il nostro studio si sforza, ove possibile, di venire in contro alle necessità economiche del paziente applicando prezzi ragionevoli ogni volta che un loro “abbassamento” non pregiudichi in alcun modo il risultato finale, tanto medico, ovviamente, quanto estetico o funzionale.

Capacità di non far sentire dolore

Importanza: 8

Si tratta ovviamente di un fattore soggettivo. Per alcuni può contare 10, per altri 0. E’ però innegabile che una delle principali paure che frenano le persone dal recarsi dal dentista sia proprio quella di sentire dolore. Perciò la capacità di effettuare anestesie e trattamenti in maniera tale che non rechino dolore al paziente (e che permettano un decorso indolore o comunque gestibile) assume un valore importantissimo.

Capacità del dentista di risolvere il problema

Importanza: 10

Lapalissiano. Nessuno vorrebbe mai rivolgersi a un medico che non è capace di risolvere il suo problema

Esperienza con i bambini

Importanza: 8

Spesso chi è alla ricerca del miglior dentista di Roma è un padre che vive nella Capitale, o che vi si è trasferito da poco, che cerca non solo un bravo dentista ma soprattutto un professionista che sia anche in grado di relazionarsi nel giusto modo con il suo bambino. L’odontoiatria pediatrica è inoltre un ramo molto particolare che richiede esperienza e conoscenze specifiche.

Non dovrebbe credersi il miglior dentista di Roma

Importanza: Non giudicabile

La modestia e la consapevolezza dei propri limiti, anche in settori professionali dove la conoscenza è vasta e la preparazione e gli studi possono durare molti anni, sono qualità umane che aggiungono un valore etico da non sottovalutare.

Attitudine all’aggiornamento professionale

Importanza: 9

In campo medico l’aggiornamento delle proprie competenze professionali mediante la partecipazione a corsi di approfondimento, seminari e corsi di specializzazione riveste un ruolo essenziale. Se si vuole rimanere aggiornati sulle tecniche e i macchinari più all’avanguardia è fondamentale, ogni anno, riservare del tempo per aggiornare le proprie competenze, gli strumenti e i prodotti che più comunemente si utilizzano nel proprio lavoro.

La ricerca del miglior dentista di Roma, così come del miglior dentista della propria città, passa quindi per una serie di valutazione oggettive e soggettive che ogni persona dovrebbe fare. Sicuramente nella Capitale esistono professori e luminari del settore che sono un punto di riferimento per il panorama dentistico romano e, a volte, nazionale. Parallelamente, esistono però anche molti altri bravissimi dentisti, come noi ci riteniamo, che ogni giorno con passione e professionalità portano avanti con successo la propria attività lavorativa ottenendo un costante ed appagante riconoscimento professionale ed umano dai propri numerosissimi pazienti.

Se sei interessato ad un consulto (nb. la nostra prima visita è sempre gratuita) non esitare a contattarci, saremo lieti di fissare un appuntamento e conoscerci di persona.

Posted in News
31 Gennaio 2016
pronto soccorso denti acilia, Roma

PRONTO SOCCORSO DENTI A ROMA

Il servizio di Pronto Soccorso Denti a Roma è un servizio atto a risolvere in maniera tempestiva urgenze e problemi dentali gravi insorti improvvisamente o i cui sintomi non curati in maniera adeguata causino (progressivamente o inaspettatamente) forti fastidi o dolori difficilmente gestibili con l’utilizzo dei normali anti-infiammatori.

Se ti trovi in una di queste situazioni e ritieni di avere bisogno di un intervento urgente, contattaci subito al 339 8643903 per prendere immediatamente un appuntamento (anche in giornata o, in caso di dolori notturni, nella mattinata successiva).

richiesta info dentista aperto sabato roma

QUANDO CORRERE SUBITO AL PRONTO SOCCORSO DENTI

Se vivi a Roma e il dolore è insopportabile, probabilmente la situazione della tua bocca è abbastanza grave da giustificare un intervento immediato. In tal caso ti suggeriamo di rivolgerti al più vicino pronto soccorso a Roma per curare immediatamente i tuoi denti. Ascessi trascurati, gravi infezioni, lesioni dentali o cisti in fase acute sono tutte condizioni che, specialmente se generano dolori difficilmente sopportabili, anche nonostante l’utilizzo di FANS, giustificano l’apprensione ed un eventuale viaggio al pronto soccorso.

PRONTO SOCCORSO ODONTOIATRICO AD ACILIA, ROMA

Il nostro studio dentistico, come specificato, si presta ad interventi straordinari ed urgenti ai denti nella zona di Acilia (Roma).

Tra gli interventi comunemente svolti, ricordiamo:

  • Odontoiatria generale
  • Estetica Dentale
  • Igiene dentale
  • Ortodonzia
  • Protesi dentarie
  • Chirurgia
  • Implantologia
  • Gnatologia
  • Radiologia digitale
  • Laser Terapia
  • Estetica del viso

Gli interventi urgenti hanno la precedenza sugli appuntamenti già presenti in azienda, ma non possono tuttavia essere prestati di notte o comunque fuori dagli orari d’ufficio, casi per i quali si suggerisce, in caso di emergenza reale, di rivolgersi al più vicino pronto soccorso.

PROCRASTINARE LA VISITA AL PRONTO SOCCORSO PUO’ COMPROMETTERE I DENTI

Purtroppo molte volte si corre il rischio di sottovalutare il dolore, i sintomi e quindi i reali pericoli a cui si va in contro. Un intervento immediato può spesso essere la prima e la migliore delle cure. Se la situazione è dubbia o non è chiara, vi consigliamo di contattarci subito per una visita preventiva e un’analisi della vostra salute orale.

COSA E’ INCLUSO NEL NOSTRO PRONTO SOCCORSO DENTI

Il nostro Studio dentistico di Acilia prevede per tutte le prime visite, urgenti e non, l’esenzione dal pagamento della consulenza. Esami effettuati a parte (es. ortopanoramica) nonché ovviamente ogni terapia curativa prevedono il pagamento del trattamento. Non applichiamo mai maggiorazioni di alcun genere per le urgenze o i trattamenti effettuati in fase di pronto soccorso odontoiatrico.

Se hai dei dubbi in merito alla tipologia di pronto soccorso odontoiatrico offerto dal nostro studio nella città di Roma non esitare a contattarci, specialmente se ritieni di necessitare di urgenti cure dentali.

Posted in News
1 29 Gennaio 2016

 

Sono in molti a cercare dentisti economici a Roma al fine di poter risparmiare sulle spese odontoiatriche. Se stai cercando un dentista a buon mercato a Roma, te lo diciamo subito, il nostro studio potrebbe fare al caso tuo.

Tuttavia, non siamo i più economici di Roma. E non vogliamo esserlo. Riteniamo di avere ottimi prezzi, ma se quello che cerchi è il preventivo più basso in assoluto evitiamo di farti perdere tempo e ti consigliamo di andare altrove.

Se invece hai 60 secondi di tempo da investire per capire come scegliere un buon dentista, senza svenarti, allora ti consigliamo di continuare a leggere (se non hai tempo ma vuoi subito un preventivo, scrivici senza impegno per prendere un appuntamento; La prima visita è sempre gratuita).

Dentisti economici Roma, chi sono e come evitarli (quasi sempre)

I dentisti economici di Roma possono essere fondamentalmente suddivisi in 5 categorie.

1 – I dentisti che non sono di Roma

2 – I dentisti delle asl

3 – I dentisti che non sono dentisti

4 – I dentisti che risparmiano su materiali e attrezzature

5 – I dentisti che non sono economici, ma che hanno prezzi accessibili

Vediamo ora uno per uno a che categoria appartengono questi medici e perché andrebbero evitati o, talvolta, selezionati per curare la propria salute orale.

I dentisti che sono economici all’estero

Succede spesso, e forse troppo ultimamente, che alcune persone per risparmiare si rechino all’estero con l’intenzione di ricevere cure dentali da professionisti di altri paesi, di solito dell’Est. Ovviamente, nessuno è nella posizione di giudicare le scelte altrui né tantomeno la professionalità di colleghi di altre nazioni europee.

Tuttavia, è bene fare i conti, quando si esce fuori da un Paese traballante ma sicuramente all’avanguardia dal punto di vista della Sanità, che all’estero i macchinari, la conoscenza medica, i prodotti e le terapie praticate non sono dello stesso livello di quelle italiane.

Se a questo aggiungiamo la variante della distanza, i costi per il trasferimento nel Paese in cui si vuole ricevere il trattamento (di solito costoso) e l’impossibilità di ricevere cure mediche immediate qualora insorgano complicazioni, risulta logico o quanto meno consigliabile evitare di rivolgersi a dentisti economici esterni alla propria città (Roma o qualsivoglia città in cui si abiti).

I dentisti delle ASL. Si risparmia davvero?

Sì, è indubbio che rivolgersi ad un dentista di una ASL comporti un certo risparmio. Trattandosi di dentisti italiani, non entriamo assolutamente nel merito della loro competenza o professionalità, trattandosi di un giudizio esprimibile da altre persone e/o categorie e non da professionisti del medesimo settore.

Va tuttavia ricordata una realtà evidente. A fronte di un risparmio sul trattamento (comunque relativo, dato che i ticket si pagano), bisogna di solito “sopportare” la scelta dell’ospedale o della clinica dove recarsi, spesso molto distante da casa, specialmente se non si vogliono attendere troppi mesi. Le strutture e i prodotti utilizzati dalla sanità pubblica, per ovvie ragioni, non sono quasi mai dello stesso livello di quelle private. Si rischia infine di incorrere in medici sicuramente competenti ma forse un po’ più “sbrigativi” e meno attenti alla persona, date le circostanze, rispetto invece agli standard certamente più elevati (per ovvi vantaggi economici, certamente) dei professionisti privati.

I dentisti economici perché sono dentisti

Molti si rivolgono ad un dentista solamente perché è economico, non gli importa troppo la sua competenza, ma puntano solamente ad ottenere il miglior prezzo. Posto che il nostro studio non fa al caso vostro, certamente queste persone dovrebbero perlomeno verificare, quando i prezzi sono davvero troppo bassi, che la persona che opera abbia il titolo e i permessi per farlo. Dispiace ricordarlo, ma proprio nel nostro municipio di recente è stato identificato un “falso dentista” che operava senza averne il titolo.

I dentisti che risparmiano

Questi sono i peggiori e i più difficili da identificare per chi non è un addetto ai lavori. Fortunatamente, in Italia e a Roma è estremamente difficile che un dentista sia economico perché risparmia eccessivamente sui materiali e le attrezzature, mettendo in gioco a volte anche l’esito e l’efficacia del trattamento. Tuttavia va ricordato che un dentista che vuole eccellere in merito a pulizia, prodotti e macchinari difficilmente potrà essere troppo economico. Forse potrà avere dei prezzi accessibili, ma mai troppo bassi. Veniamo quindi all’ultimo punto

Non cercate dentisti economici ma dentisti con prezzi ACCESSIBILI

L’accessibilità del prezzo è un punto cruciale nella scelta che poi verrà effettuata. Di solito il dentista, quando ci si trova bene, non si cambia. Questo perché è divenuto ai nostri occhi il migliore, viene attribuito valore alla sua professionalità, alla fiducia che ci trasmette, all’efficacia dei suoi trattamenti ecc. Per questa ragione il prezzo non può essere troppo basso, ma può essere accessibile, ovvero a fronte di un riscontro positivo nei punti precedentemente menzionati si è solitamente disposti a sopportare un prezzo leggermente più alto di un dentista economico ma comunque ragionevole e giustificato dalla qualità offerta.

Se cerchi dentisti economici a Roma, ti consigliamo quindi di ponderari i punti da noi suggeriti e, in ogni caso, di contattarci per un preventivo, venire a trovarci e usufruire della prima visita gratuita oppure scoprire quanto costa una pulizia dei denti, una devitalizzazione o una cura di una carie (solamente alcune tra le terapie più richieste).

 

Posted in News
6 Novembre 2015
pulizia dei denti primo piano e sconto

Pulizia denti 19€ Roma

Pulizia denti a 19€. Se vivi a Roma e stai cercando una pulizia dei denti economica allora ti invitiamo a

SCARICARE IL COUPON DI SCONTO GRATUITO

che ti consentirà di usufruire del trattamento a questo prezzo di favore. Il buono è valido per tutto il 2016. Tuttavia, le pulizie dei denti a 19€ sono limitate, l’offerta è infatti riservata solamente ai primi 10 che ci contatteranno. Se non sei arrivato in tempo o se leggi questo articolo dopo parecchi mesi dalla sua pubblicazione, non preoccuparti, i prezzi che applichiamo per la pulizia sono comunque molto più bassi rispetto alla media di Roma e ancor di più rispetto ad altre città italiane, come per esempio Genova o Milano, dove il costo del trattamento va ben oltre i 19€ menzionati arrivando spesso anche a cifre con due zeri.

Tutte le nostre sedute di pulizia dei denti vengono inoltre affiancate ad una prima visita gratuita, inclusiva di un controllo delle carie o problemi di ogni genere della tua salute orale.

Ultimamente la pulizia dei denti a questo prezzo ridotto è “tornata di moda” grazie a colossi del WEB, gruppi di acquisto online come Groupon o Groupalia, che propongono trattamenti di questo genere, senza però poter spesso verificare la qualità del servizio offerto.

Presso il nostro studio potrai usufruire di tutti i “PRO” che caratterizzano uno studio dentistico privato, ottenendo comunque un prezzo congruo e ragionevole per una tipologia di trattamento che, non ci stancheremo mai di ripeterlo, dovrebbe essere effettuata regolarmente, (mediamente una volta ogni 6 mesi).

19€ per una pulizia dei denti a Roma non sono troppo pochi?

Sì, indubbiamente. Pagare 19€ per una pulizia è sicuramente “più conveniente” per il paziente che per il professionista che eroga questo trattamento. Sarebbe per questo motivo poco vantaggioso applicare questo tariffario dovendo mantenere gli standard di alta qualità che devono caratterizzare uno studio dentistico di livello. L’offerta in questione è infatti limitata nel numero di sconti erogabili (n.b. è valida solo per i primi 10 che ci contatteranno). E’ in ogni caso nostra politica mantenere prezzi bassi per questo genere di terapia al fine di “educare” la clientela a una corretta ed intelligente salvaguardia della propria igiene e salute dentale.

Per questo motivo, se hai bisogno di una pulizia dei denti e non vuoi spendere cifre eccessive, ti invitiamo comunque a contattarci per chiedere informazioni, saremo lieti di assisterti e conoscerti personalmente presso il nostro studio per una prima visita gratuita atta a valutare le condizioni di salute della tua bocca e a consigliarti, senza nessun impegno, come sempre, tutte le eventuali terapie che potrebbero essere adatte alla tue necessità.

Posted in News